Trattamenti e servizi

Ipercheratosi (callosità)

L'ipercheratosi, definita comunemente callosità, callo, occhio di pernice o durone, è un ispessimento dello strato esterno della pelle, può interessare svariate zone del piede, assumere diversi aspetti clinici e dipendere da più di una causa.
Le zone maggiormente colpite sono la pianta (ipercheratosi plantare), nello specifico al di sotto delle teste metatarsali, e le dita (ipercheratosi digitale).

In quest' ultimo caso, parleremo di ipercheratosi interdigitale quando l'ipercheratosi è presente tra un dito ed un altro; dorsale quando si trova sul dorso del dito; apicale quando è all'estremità del dito; subungueale quando è al di sotto dell' unghia; si parla, invece, di onicofosi quando l’ipercheratosi è presente tra l' unghia ed il margine del dito. Zone raramente affette da ipercheratosi sono: il dorso del piede e il margine esterno o interno del piede.
Il quadro clinico muta in base alla tipologia di ipercheratosi:

  • la placca callosa è un’ipercheratosi estesa
  • il tiloma è un'area di ipercheratosi molto spesso tondeggiante e circoscritta
  • l' heloma ha una forma circolare, è caratterizzato da un nucleo ben definito, e si distingue in molle e duro.

Le cause della formazione di ipercheratosi sono da attribuire principalmente ad un eccessivo carico, in seguito ad alterazioni della struttura del piede, o ad attrito, ad esempio quello provocato da una scarpa troppo stretta; anche patologie tipicamente dermatologiche come la psoriasi possono essere causa di ipercheratosi.
Il trattamento podologico (curettage podologico-pedicure curativo) consiste in primo luogo nell' asportazione dell'ipercheratosi, con metodi incruenti, per eliminare il dolore. In secondo luogo, si ricercano e si interviene sulle cause della patologia, in modo da evitare recidive con plantari su misura e/o ortesi in silicone.